Da domani a Naso la permanente di pittura di Tano Santoro

434

Da domani le opere del Maestro Tano Santoro avranno definitivamente uno spazio nei locali ristrutturati della pinacoteca comunale dello storico Palazzo che fu Residenza Municipale di Naso nel 1645.

Martedì 28 agosto, alle ore 19:00, verrà inaugurata la mostra permanente di pittura che l’amministrazione comunale nasense ha fortemente voluto dedicare al suo concittadino pittore-incisore, per tributargli il giusto riconoscimento per una carriera artistica condensata da successi a livello nazionale.

In questa suggestiva cornice, nel Centro Storico di Naso, troveranno definitivamente posto dipinti, acqueforti, matite, acquetinte e tele di un eclettico artista che ha creduto nell’arte e nella cultura, alle quali ha dedicato la vita intera.

Una carriera iniziata come un’avventura quando, a soli vent’anni, dopo aver conosciuto a Capo d’Orlando alcuni tra i più grandi pittori del panorama artistico del dopoguerra, decise di lasciare la sua Naso nel 1960 per spostarsi a Milano, voglioso di mettere alla prova quella passione per l’arte che la rassegna orlandina aveva esaltato, perfezionandosi nel disegno e in particolar modo nell’incisione.

La permanente di pittura che sarà inaugurata domani propone una selezione di tele di grande formato (almeno 2 metri) e bozzetti, tutti senza titolo: «una trama di segni e di luci che hanno modificato profondamente, pur senza tradirlo, la sua nozione di realismo».

«L’inaugurazione di martedì 28 agosto vuole essere il nostro omaggio ad un caro amico ed artista di grande livello – ha detto il Sindaco di Naso Daniele Letizia -, a cui abbiamo sempre guardato con grande orgoglio e fierezza, in ragione dei brillanti risultati conseguiti nel corso della sua carriera artistica. Tano Santoro fa illustre la sicilianità».