Acquedolci, in libertà il 34 arrestato due giorni fa

1819

Il Gip del Tribunale di Patti, Ugo Molina, nel corso dell’interrogatorio di garanzia, ha accolto pienamente la tesi difensiva eccepita dall’avvocato di fiducia Benedetto Ricciardi e rimesso in libertà, Giuseppe Oieni, 34 anni, disponendo il solo obbligo di firma due volte a settimana, che si trovava recluso nel carcere di Barcellona. Il Gip Molina pertanto ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere , poiché in accoglimento dell’articolata difesa, “ Ha ritenuto che le esigenze cautelari devono dirsi fortemente attenuate, manifestando, in modo inequivoco, nessun pericolo per l’incolumità della madre del ragazzo ”. Il Trentaquattrenne era stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti perpetrati ai danni della propria madre posti in essere allo scopo di estorcerle somme di denaro.