Patti Marina, il bar “Apollo” ha ottenuto l’autorizzazione provvisoria su un’area della pineta

1415

Come era stato annunciato il Bar Apollo di Patti Marina ha ottenuto un’autorizzazione provvisoria per poter sistemare nella pineta antistante, in un’area di 150 metri, quadrati ombrelloni, tavoli e sedie. Già da oggi il bar ospiterà i suoi numerosi utenti e potrà farlo fino al 6 settembre.

Il caso adesso è davvero chiuso nell’attesa che la struttura ottenga l’autorizzazione demaniale di sei anni o oltre. E’ l’epilogo di una vicenda che si è acuita il 16 luglio scorso, quando la pineta fu posta sotto sequestro dai carabinieri, a seguito di accertamenti effettuati sul lungomare Filippo Zuccarello, riguardo alla titolarità delle aree comunali e delle aree demaniali. Nello stesso giorno il tribunale convalidò il sequestro. Il titolare del bar Carmelo Flesia, sostenuto da tutti i lavoratori, in un primo momento, si era incatenato vicino alla pineta, sistemando alcuni striscioni vicino all’area posta sotto sequestro per esprimere il proprio disappunto. Dopo un giorno, furono tolte catene e i manifesti di protesta e fu presentata alla procura la richiesta di dissequestro; Flesia, in questa occasione si è avvalso della consulenza legale degli avvocati Tommaso Calderone e Gabriella Caccamo e della consulenza tecnica del geometra, Antonino Aiello. Il 28 luglio il sostituto procuratore della repubblica di Patti Alice Parialò dispose il dissequestro temporaneo della pineta; di seguito tutta la copertura fu smontata, per consentire i lavori di ripristino. Flesia, rappresentato sempre dagli avvocati Tommaso Calderone e Gabriella Caccamo e con la consulenza tecnica del geometra, Antonino Aiello, ha presentato l’autorizzazione provvisoria al ufficio del demanio. Ieri, mentre è in fase di istruttoria la concessione demaniale marittima, è stata firmata l’autorizzazione provvisoria e oggi il bar è operativo anche sotto la pineta.