sabato, Aprile 20, 2024

Lipari, sequestrate 28 mila metri di spadare

IMG_5431

La guardia costiera di Lipari ha sequestrato un ingente quantitativo di reti illegali. Si tratta di 28 mila metri di spadare, un particolare tipo di rete derivante bandito dalla normativa comunitaria e nazionale, perché il suo utilizzo ha un impatto particolarmente negativo sull’ambiente marino e sulla risorsa ittica.

Ogni anno numerosi esemplari di cetacei e tartarughe marine rimangono impigliate e trovano la morte in questi attrezzi ancora diffusi nel Mediterraneo per la cattura dei grandi pelagici, nonostante i divieti e l’intensa attività di vigilanza e controllo posta in essere dalle autorità competenti. blankNel Compartimento marittimo di Milazzo, con il coordinamento della Direzione marittima di Catania e nell’ambito delle direttive del Comando Generale, è ormai consolidata un’attività di vigilanza e controllo aereo, navale e via terra, finalizzato al contrasto della detenzione e dell’utilizzo di questi attrezzi da pesca illegali. I risultati non sono mancati anche quest’anno; le vedette della Guardia Costiera di Lipari hanno effettuato il sequestro di 28 mila metri di di spadare, utilizzate da pescatori professionali e diportisti nel tratto di mare a nord delle Isole Eolie.blank Elevate sanzioni per 10.000 euro; le reti sono state sequestrate e successivamente saranno confiscate e distrutte. Verificate le gravi violazioni, la licenza di pesca potrebbe essere sospesa e si rischia anche la cancellazione dall’elenco delle unità da pesca autorizzate alla pesca del pesce spada.

 

Facebook
Twitter
WhatsApp