Patti, un consiglio comunale aperto contro il depotenziamento del “Barone Romeo”

“Il presidente del consiglio comunale di Patti convochi una conferenza dei capigruppo, in modo da indire un consiglio comunale aperto alla presenza della dirigenza dell’ospedale “Barone Romeo” e della deputazione regionale.”

Lo hanno richiesto i consiglieri Filippo Tripoli, Natalia Cimino, Federico Impalá e Mariella Gregorio Nardo, ricordando come nelle ultime settimane abbia preso corpo il possibile depotenziamento dell’ospedale di Patti, tanto che si è ritenuto opportuno riunire gli amministratori del distretto sanitario  D30. Visto il bacino d’utenza del comprensorio, la posizione strategica dell’ospedale e la presenza dell’elipista, tutte peculiarità che debbono spingere in modo che il “Barone Romeo” sia classificato quale struttura di 1° livello; e poiché un depotenziamento avrebbe ricadute negative e inaccettabili sulla popolazione dei Nebrodi e di gran parte della costa tirrenica, sia dal punto di vista economico che del diritto alla salute, i quattro consiglieri si sono rivolti al presidente del consiglio comunale  Nicola Mollica: “Convochi una conferenza dei capigruppo, per indire un consiglio comunale aperto, alla presenza della dirigenza ospedaliera e di tutta la deputazione regionale della nostra provincia.”

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp