San Giorgio di Gioiosa Marea, bocciato il ripascimento

È stata dichiarata inammissibile dalla Regione, l’istanza del progetto definitivo del II° lotto di lavori di difesa costiera di S. Giorgio e i consiglieri di “Obiettivo Gioiosa” sono partiti all’attacco.

Per l’opposizione, dopo la pubblicazione del decreto 393 del 28 giugno, sarebbe «l’ennesima bocciatura dell’esecutivo Spanò, un completo fallimento su una problematica di estrema importanza per S. Giorgio». La bocciatura, a parere di Eduardo Spinella, Antonino Currò, Daniela Spinella e Maria Maio «dimostra come le indicazioni suggerite in modo sempre costruttivo, sui passaggi che bisognava effettuare per partecipare in modo corretto al bando – una domanda proprio sulle schede “Rendis” – siano state ignorate. Non si è seguita malgrado fosse condizione essenziale, la procedura che avrebbe permesso la validazione della scheda per l’inserimento nella piattaforma del progetto di ripascimento. Si tratta del progetto dell’ex Provincia che l’attuale amministrazione ha acquisito. Discorso diverso per le schede “Rendis” correttamente compilate e validate durante la precedente amministrazione per gli altri progetti che sono stati di conseguenza inseriti tra le opere ammissibili, quali il consolidamento di Galbato e la difesa spondale del torrente Zappardino, il progetto preliminare di tutela della costa da Capo Skino a Baia Calavà e di Capo Calavà.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank