Capizzi, il 21 giugno serata dedicata alla corretta alimentazione

954

Cultura, gusto e salute. Biodiversità e sostenibilità. La Dieta mediterranea, dalla tradizione all’innovazione.

Il 21 giugno alle ore 19,00 presso il palazzo Larcan del Comune di Capizzi si celebra il “Valore culturale e salutistico” delle produzioni agroalimentari del territorio. Il dibattito è organizzato dal Laboratorio di analisi DAC che sotto la direzione della Tecnologa alimentare, Daniela Catalano, dedica attenzione agli operatori commerciali attenti alla lavorazione artigianale e alla conservazione nel processo di trasformazione, di tutti i componenti organolettici e nutrizionali degli alimenti. L’amministrazione Comunale ha dato pronta collaborazione per costruire alleanze tra soggetti pubblici e privati, assumendo anche il ruolo di compartecipe di percorsi strategici di sviluppo integrato e sostenibile. La presenza, inoltre della chef Bonetta dell’Oglio, attenta all’origine e alla provenienza degli alimenti che rappresentano la tradizione culinaria siciliana, qualificherà l’incontro con spunti interessanti e innovativi sul concetto di “benessere animale”.
Una occasione importante quindi per riportare al centro dell’attenzione il Territorio e le sue produzioni agroalimentari (identitarie) intese come risorse locali da mettere a sistema con le altre realtà comprensoriali (istituzioni e imprese) e con i servizi e le infrastrutture (logistica, marketing, trasformazione, cultura di riferimento …) Nell’anno del Cibo Italiano la Comunità Capizzi riflette opportunità che le “eccellenze enogastronomiche locali” possono rappresentare (in tutta la sua filiera, dal campo alla tavola, ai servizi ad esso associati) per l’economia siciliana e per i giovani. La cornice di riferimento dell’evento sarà comunque la dimensione lo “Stile di vita mediterraneo: identità gastronomica, biodiversità alimentare, sostenibilità ambientale, sociale ed economica”, anche grazie alla presenza del Direttore dell’Idimed, l’istituto che ha divulgato la cultura alimentare siciliana caratteristica della Dieta Mediterranea.
La dott.ssa Cerami Francesca Rita, affronterà il tema dei “Sapori della Dieta Mediterranea: dalla tradizione all’innovazione”. Un ruolo di primo piano avranno le produzione casearie e le carni e i trasformati. Verranno infatti poste in esame le strategie e le procedure utili alla certificazione e all’utilizzo dei prodotti agroalimentari nel comparto della gastronomia di gusto, salute e qualità. Molti gli operatori economici, allevatori, trasformatori, venditori, albergatori e ristoratori che hanno aderito all’iniziativa. Guardo con particolare attenzione, a pochi giorni dal mio insediamento, a queste iniziative, dice il sindaco, arch. Leonardo Principato Trosso, soprattutto per il valore significativo di modello e di trasmissione di sapere e di testimonianza che assumono nei confronti delle nuove generazioni. La formazione culturale e professionale delle nuove leve deve essere interfacciata con la vocazione agricola e artigianale del territorio, unitamente alla grande tradizione e cultura delle generazioni passate. Dobbiamo fare squadra per affrontare i cambiamenti in corso e per vincere la sfida dello sviluppo economico e sociale del nostro comprensorio”. L’incontro ha quindi l’ambizione di avviare un dialogo costruttivo e di porre le basi per nuovi progetti condivisi di sviluppo che si fondano sui concetti di cultura, gusto e salute e strategie di marketing per dare voce alla qualità delle materie prime.