Torrenova, al via i lavori per preparare il lungomare all’estate

459

Inizia la trasformazione della zona Mare di Torrenova.  Il borgo marinaro del centro torrenovese sarà rinnovato.

La Giunta comunale, guidata dal sindaco Salvatore Castrovinci, ha approvato  il progetto esecutivo dei lavori di riqualificazione della zona mare, primo stralcio esecutivo,   relativo a manutenzione dell’infrastruttura viaria di collegamento e delle aree pertinenziali. L’approvazione del progetto esecutivo, predisposto dall’Ufficio Tecnico Comunale per un importo complessivo di 999.965,50 euro,  si è avvalso nella sua definizione dell’importante contributo della Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali e consentirà d’andare a gara per l’affidamento dei lavori entro il mese di luglio. Il progetto, inserito all’interno del finanziamento delle periferie urbane della Città Metropolitana di Messina, prevede un intervento di riqualificazione della infrastruttura  viaria, comprendente  una necessaria manutenzione straordinaria  finalizzata al miglioramento della pavimentazione, della sistemazione de delle aree pertinenziali, nonché  la collocazione  di un nuovo impianto di illuminazione pubblica. La Zona Mare di Torrenova è un grande palcoscenico su cui recitano protagonisti assoluti come le numerose abitazioni, la grande piazza, il lungo litorale, le strutture balneari, la spiaggia ed il parco giochi. L’impianto d’illuminazione completamente rinnovato diventa così necessario per poter rendere più sicura la permanenza nella zona costiera. I Torrenovesi  avranno presto l’esatta  percezione della bellezza della propria contrada  destinata a confermarsi luogo centrale della vita sociale e culturale della città. “Nella nostra visione non c’è un singolo progetto,bensì una visione complessiva- ha dichiarato il sindaco Castrovinci- con l’obiettivo di valorizzare le nostre bellezze che, riqualificate, saranno capaci di attirare nei prossimi anni decine di migliaia di persone” La riqualificazione della zona Mare è quindi il primo passo di un percorso verso una meta chiara e definita- ha proseguito il primo cittadino-, a cui non potremmo aspirare se non grazie all’impegno dei nostri tecnici progettisti, che concretamente dimostrano il loro valore, e alla disponibilità  della Soprintendenza, che ringrazio per il ruolo propulsivo e di detentrice di saperi con cui si è messa a disposizione di un progetto di cambiamento della città.”