Acquedolci, la Finanza sequestra animali di specie protette

1931

Nel corso di un controllo effettuato ad Acquedolci, i finanzieri della Tenenza di Sant’Agata di Militello, hanno individuato un catanese mentre era intento a commercializzare vari esemplari di fauna protetta tutelati dalla Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione.

L’uomo, inizialmente aveva esibito solo alcuni esemplari di animali la cui vendita era legale, mentre deteneva, nascosti all’interno del furgone, altri esemplari di fauna protetta.
Il riscontro ha permesso di sequestrare 27 testuggini 15 uccelli tra cui Verzellini, Fanelli, Fringuelli, Verdoni e Lucherini, provenienti da attività di bracconaggio. Gli animali sono stati sequestrati e subito affidati al Centro Recupero Fauna Selvatica di Messina che successivamente procederà alla loro liberazione in natura, non prima di aver ripristinato il loro completo stato di salute.
Il responsabile è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Patti per le violazioni commesse, per le quali è prevista la pena dell’arresto fino a 3 anni e l’ammenda fino a 300.000 euro.