Concussio, il consigliere Tamburello resta in carcere

1099

Resta in carcere Vincenzo Tamburello, il commercialista 41enne di Mistretta, arrestato il 20 aprile scorso nell’ambito dell’operazione “Concussio”, sulla tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un’impresa che si era aggiudicata l’appalto da un milione di euro per i lavori di riqualificazione di “Fiumara d’Arte”.

Il Tribunale del Riesame di Messina ha rigettato il ricorso presentato dai legali dell’uomo, gli avvocati Alessandro Pruiti ed Eugenio Passalacqua. Tamburello, consigliere comunale del gruppo di opposizione in carica a Mistretta, sospeso per provvedimento prefettizio all’indomani dell’esecuzione della misura cautelare, è detenuto nel carcere di Gazzi a Messina poiché ritenuto una delle tre figure principali del quadro accusatorio nell’inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Messina e condotta dai carabinieri.