Pace del Mela, settantadue giovani impegnati nel servizio civile

300
 Numeri da capogiro al comune di Pace del Mela in materia “Servizio Civile Nazionale”: solo quest’anno infatti sono 72 i giovani che operano, all’interno del territorio pacese, come volontari del SCN. L’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco prof. Giuseppe Sciotto, è riuscita a garantire, per un anno, a ben 72 giovani, una importante opportunità per affacciarsi nel mondo del lavoro e svolgere quindi dei servizi utili per la comunità e che possono rappresentare allo stesso tempo un importante momento di crescita personale.
Molteplici i progetti: 8 sono i volontari impegnati nel progetto denominato “Grey Generation” e che ha come obiettivo quello di aiutare le fasce più deboli del territorio ed in particolare gli anziani.  Stessa finalità del progetto “Con-tatto anziani”, al quale hanno aderito 4 volontari e che si propone di garantire agli anziani un’adeguata assistenza e concrete opportunità di aggregazione nel territorio. Anche il progetto “Padre Annibale Maria di Francia”, con 6 volontari, ha le stesse finalità.
14 sono invece i giovani che da poco tempo hanno preso servizio al progetto “Vivere”, mentre 6 sono le unità di “Valle animata”.  Spazio è stato dato anche a progetti che riguardano l’ambiente ed in particolare la raccolta differenziata: 10 volontari infatti sono impegnati in “W la Differenziata 2016” . Ad occuparsi di ambiente è anche il progetto “San Francesco d’Assisi”, con i suoi 6 volontari.
Spazio è dato anche alla lotta alla mafia, della quale si occupano i 6 volontari di “Francesco Ferlaino”.
“Carlo e Nello Rosselli” e “La grande bellezza” invece, nei quali sono impegnati rispettivamente 5 e 6 volontari, si occupano della promozione del territorio da un punto di vista artistico e culturale.
“Non posso che essere estremamente soddisfatto di questo importante risultato; – ha dichiarato il primo cittadino Giuseppe Sciotto- il Servizio Civile Nazionale infatti, a mio avviso, rappresenta una importante e imperdibile opportunità per crescere e per iniziare ad interfacciarsi con il mondo del lavoro. Sono felice che questa opportunità sia stata data a 72 giovani del territorio.”