Maltratta la madre, giovane donna ai domiciliari

1771

L’hanno trovata per strada in prossimità della propria abitazione visibilmente impaurita dopo l’ennesima lite con la figlia.

I poliziotti delle Volanti della Questura di Messina, intervenuti prontamente, l’hanno tranquillizzata  prima di accedere all’interno dell’immobile dove si erano verificati i fatti. Lì una giovane donna in evidente stato di agitazione urlando a squarciagola continuava imperterrita, nonostante la presenza degli operatori, ad inveire contro la madre apostrofandola con frasi volgari ed offensive. Futile il motivo di tanta aggressività.
Gli accertamenti hanno fatto emergere una difficile situazione familiare: la povera vittima era costretta a vivere in uno stato di soggezione fisica e psicologica che non aveva denunciato, fino ad allora, nel disperato, quanto vano, tentativo di riconciliarsi con la congiunta. I poliziotti hanno deciso di arrestare la figlia che è finita ai domiciliari avendo la vittima deciso di allontanarsi provvisoriamente per evitare ulteriori conflitti.