Parco dei Nebrodi, positivo incontro a Mosca

581

Appena concluse a Mosca le attività avviate di concerto dal Parco dei Nebrodi e dall’Istituto Italo Russo di Formazione e Ricerche Ecologiche.

Il programma prevedeva una fitta serie di incontri, preceduti da un seminario iniziale di presentazione, organizzato dall’Istituto Italiano di cultura di Mosca del Ministero degli affari esteri, diretto da Olga Strada, dal titolo “ Parchi e aree protette in Sicilia. Gestione e tutela” . Introdotto dal Dott. Claudio Poeta, dell’Istituto Italiano di cultura, è poi seguita l’esposizione del dott. Leonardo Gatto che ha illustrato la più che ventennale attività dell’istituto italo russo
A seguire la relazione delle attività del Parco dei Nebrodi con gli interventi dell’ingegnere Massimo Geraci (Parco dei Nebrodi) e dei Proff. Valerio Agnesi e Matteo Cammarata (Università di Palermo) che hanno illustrato gli aspetti gestionali e naturalistico ambientali del
Parco dei Nebrodi, l’area protetta più grande della Sicilia, da tempo impegnata nella promozione in ambito internazionale del suo territorio.
Le relazioni hanno riscosso vivo interesse tra il pubblico costituito da gestori e operatori di diverse aree protette Russe.
Alle relazioni dei rappresentanti Italiani ha fatto seguito una
interessante presentazione del Plesheevo national park, ubicato a 170
Km a Nord Est di Mosca, istituzione particolarmente attive nell’ambito
della tutela della natura e alla educazione ambientale del territorio.
Dopo le presentazioni si è svolto un interessante dibattito che ha
consentito di confrontare le rispettive esperienze ed approfondire i
temi della gestione e dello sviluppo sostenibile delle rispettive aree
protette.
Tutti i partecipanti hanno manifestato la volontà di avviare rapporti
di scambio e collaborazioni istituzionali tra i diversi gestori delle
aree protette intervenute all’incontro. In particolare si sono avviati
contatti con il Plesheevo national Park e con la Riserva Naturale di
Prioksko Terrasny che troveranno sviluppo concreto nelle prossime
settimane.
Sono seguiti altri momenti di confronto che hanno fatto emergere
l’interesse della rete delle aree protette russe a sviluppare
rapporti di collaborazione internazionale con Parco dei Nebrodi.
Ampia disponibilità in tal senso è stata confermata dal Commissario
del Parco dei Nebrodi Luca Ferlito, che ha manifestato l’esigenza di
una efficace azione di promozione integrata finalizzata alla migliore
conoscenza del territorio dei Nebrodi e più in generale, all’avvio dei
rapporti di collaborazione internazionale, grazie ai primi contatti
che verranno presto ufficializzati dai competenti organi.

Nella foto, da sinistra: Matteo Cammarata, Leonardo Gatto, Olga
Strada, Massimo Geraci, Valerio Agnesi.