Assenteismo a Ficarra, da lunedì gli interrogatori

1150

Inizieranno lunedì della prossima settimana, al tribunale di Patti, gli interrogatori di garanzia delle sedici persone, dirigenti e dipendenti del comune di Ficarra, accusati di truffa aggravata e continuata ai danni del comune e di false attestazioni.

Sarà il Gip, Ugo Molina, a sentire chi è stato destinatario della misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio pubblico. Visto che è lo stesso gip che ha emesso i provvedimenti, i legali degli indagati, gli avvocati Francesco Pizzuto, Domenico Magistro, Sandro Giaimo, Rosalba Frandina e Maria Sinagra, è quasi scontato che rivolgeranno la loro attenzione direttamente al tribunale della libertà di Messina, per chiedere la revoca o l’attenuazione della misura cautelare della sospensione.
Gli indagati erano stati sentiti dal giudice poche settimane fa e nessuno si è avvalso della facoltà di non rispondere; ognuno ha raccontato punto per punto la propria vicenda, rispondendo alle accuse e, in molti casi, presentando le proprie ragioni.
Nel calderone, infatti, vicende molto diverse. Se in diverse circostanze pare acclarato un diffuso malcostume tra i dipendenti, ci sono situazioni all’apparenza più marginali o giustificabili, come in qualche circostanza di alcuni lavoratori del settore esterno. In qualche caso, invece, si può parlare di condotte scorrette ma non di veri e propri reati.
Altra circostanza da evidenziare è che nessun atto amministrativo è stato posto sotto sequestro, ma è stato lo stesso comune a fornire tutti i documenti agli inquirenti. L’esecutivo, retto dal sindaco, Gaetano Artale, valuterà ora la situazione punto per punto e si costituirà parte civile, nel momento in cui verrà fissata l’udienza preliminare. Per quel che concerne la struttura burocratica, che è attualmente in sofferenza, soprattutto per le sospensioni dei dirigenti dell’area tecnica, amministrativa ed economico-finanziaria, sono al vaglio alcune soluzioni; per l’area tecnica si potrebbe procedere ad una soluzione esterna, mentre per le altre due si potrebbe ricorrere a personale all’interno del comune montano. La notizia dei casi di assenteismo contestati al comune di Ficarra dalla procura di Patti e dai carabinieri della compagnia di Patti e della stazione di Ficarra, che oggi trova spazio su tutti i quotidiani regionali e nazionali, ieri è stata riportata anche dai tg nazionali e ne ha parlato anche “Striscia la notizia”.