Ficarra, chiuse le indagini su 53 falsi braccianti

2108

I finanzieri della Tenenza di Patti stanno procedendo in questi giorni, con l’ausilio dei colleghi di Catania, Riposto, Capo d’Orlando e Sant’Agata di Militello, a notificare l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti di 53 falsi braccianti agricoli e del proprietario dell’azienda che li ha fittiziamente assunti.

L’indagine, diretta e coordinata-attraverso precise direttive-dalla Procura della Repubblica
di Messina, trae origine da una segnalazione dell’INPS di Messina riguardante una possibile
assunzione di falsa manodopera agricola.
La Tenenza di Patti, quindi, ha avviato le indagini delegate che hanno permesso di rilevare
una notevole sproporzione tra il numero di braccianti assunti dall’azienda agricola,
formalmente operante in alcuni terreni siti a Ficarra ed il reale fabbisogno di personale
necessario per la coltivazione.
Nel corso dell’attività, inoltre, è stato acclarato che la ditta era completamente sprovvista di struttura organizzativa propria e capacità economica adeguata per sostenere i costi della gestione del personale.
Terminate le operazioni di servizio, l’Autorità Giudiziaria messinese, condividendo gli esiti
delle attività condotte dai finanzieri , ha disposto la notifica agli interessati dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari , contestando una truffa ai danni degli Istituti
Previdenziali ed Assistenziali pari ad €155.000,00, importo complessivamente riferito ad
indennità di malattia, disoccupazione e maternità, indebitamente percepite, in concorso, da
tutti i consapevoli finti braccianti.