Piraino, vive solo ai “domiciliari” ed è stato autorizzato a fare la spesa

542

I carabinieri, oltre a svolgere una importante funzione di sorveglianza e di vigilanza del loro territorio di competenza, si attivano quando è necessario per svolgere importanti compiti sociali. Si è attivato in tal senso il comandante della stazione dei carabinieri di Piraino, luogotenente, Giuseppe Cannetti. Aveva verificato che Giuseppe Saporito, detenuto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione di Salinà di Piraino, si trovasse nell’impossibilità di ricevere assistenza materiale e morale e soprattutto di acquistare beni di prima necessità; a questo punto, con spirito solidale, il luogotenente Cannetti si è attivato, nel periodo festivo, rivolgendosi all’autorità giudiziaria e al comune, per fargli ottenere l’autorizzazione a lasciare il luogo di custodia, per il tempo necessario per provvedere ai suoi bisogni più elementari, acquisto alimenti, medicine e quello che serviva per la sua persona. Ed è accaduto che sia il tribunale di Patti, come anche la corte d’appello di Messina, hanno accolto le richieste inoltrate dal comandante della stazione di Piraino, in modo che Giuseppe Saporito potesse allontanarsi dalla propria abitazione, nei giorni feriali dalle ore 9,30 alle ore 11,00. Anche i servizi sociali del comune di Piraino si sono attivati per fornire all’uomo assistenza morale e materiale.