Affari di Famiglia, Conti Mica ai domiciliari

1883

La corte di appello di Reggio Calabria ha concesso i domiciliari a Francesco Conti Mica, imputato quale capo e promotore nel procedimento “affari di famiglia”.
Il processo era stato definito in appello a Messina con la condanna a 10 anni. Sentenza annullata dalla Cassazione il 28 giugno scorso con rinvio degli atti alla corte di appello di Reggio Calabria per un nuovo giudizio che è ancora in attesa di fissazione.
Conti Mica è difeso da Laura Todaro