Slot nei centri Stanleybet, Tribunale di Messina annulla sanzioni

294
Locatii Stanleybet by Adrian Holerga

Il Tribunale Civile di Messina, con diverse sentenze, ha annullato le sanzioni amministrative disposte per alcuni centri Stanleybet, rappresentati dall’avvocato Daniela Agnello, per l’installazione di slot all’interno dei centri scommesse.
Nelle sentenze, riporta Agipronews, si legge che “nei termini chiariti dalla Corte di Giustizia, la mancanza di concessione non può costituire oggetto di sanzioni nei confronti degli operatori che illegittimamente non hanno ottenuto una concessione”. Il giudice dunque “accoglie l’opposizione e annulla” gli atti impugnati, illegittimi per violazione del diritto Ue. Il Giudice, si legge in una nota dei legali della società, ha inoltre ripercorso l’evoluzione normativa e le connesse pronunzie giurisprudenziali arrivate nel corso degli anni, affermando che  “dal 1998 al 2012 l’attribuzione delle concessioni per la gestione delle scommesse su competizioni sportive è stata oggetto di ben tre differenti discipline che si sono susseguite nel tempo e che sono state, in tempi diversi e per motivi diversi, dichiarate dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea contrastanti con alcuni principi europei”.  La vicenda è nata in seguito agli accertamenti disposti dall’Agenzia delle Dogane negli esercizi commerciali dove si svolgeva attività di scommesse senza licenza di polizia: duranti i controlli sono stati rilevati otto apparecchi, e per ogni centro sono stati disposti 24mila euro di sanzione amministrativa.