Nuovi orari ferroviari, critiche le associazioni dei pendolari

3443

Con il progetto orario 2017/2018, si prosegue il lavoro di revisione della struttura dell’offerta avviato nel 2015, con la rivisitazione degli orari delle direttrici Palermo-Catania, proseguito nel 2016 con la Messina-Siracusa e nel 2017con la Messina-Palermo. Il modello, articolato su più livelli di servizio, garantisce: velocità fra i principali centri urbani, interscambio per servire i centri minori e frequenza in prossimità delle principali agglomerazioni urbane. Le principali novità del 2018 riguardano la riapertura del servizio ferroviario che collega Palermo con l’aeroporto Punta Raisi, l’intensificazione del servizio nelle nuove stazioni nel nodo di Catania, la rimodulazione dell’offerta Siracusa-Ragusa-Caltanissetta, in aderenza alle richieste dei comitati pendolari e la rimodulazione dell’offerta nei periodi a minore valenza pendolare – Natale, Pasqua e Ferragosto, a vantaggio dei giorni lavorativi. E’ stata confermata l’offerta 2017, con l’aggiunta di una nuova missione bioraria Termini Imerese–Aeroporto Punta Raisi, a partire da giugno 2018. Sulla linea Palermo –Messina, da dicembre 2017 a dicembre 2018, saranno in funzione sette coppie di regionali veloci, con un tempo di viaggio di due ore 50 minuti, con la previsione di otto fermate: Termini Imerese, Cefalù, Santo Stefano di Camastra, Sant’Agata Militello, Capo d’Orlando, Patti, Barcellona e Milazzo, poi sette coppie di regionali sulla tratta Palermo-Sant’Agata Militello  con tempo di viaggio di due ore  che fermano a Bagheria, Termini Imerese e in tutte le stazioni, poi 10 coppie sulla tratta Sant’Agata Militello-Messina, con tempo di viaggio di un’ora e 40 minuti da Sant’Agata a Milazzo – fermano in tutte le stazioni e sette coppie sulla tratta Messina–Milazzo–Patti, con tempo di viaggio di un’ora e 5 minuti e con fermate in tutte le stazioni. E’ stato richiesto di posticipare la partenza del treno 12719 con partenza a Messina alle ore  21.05 fino a Patti 22.10; è stata accolta, posticipando la partenza del treno da Messina alle ore 21.30 con arrivo a Patti alle ore 22.35. Riguardo a questa offerta prospettata da Trenitalia, i comitati dei pendolari hanno evidenziato come il confronto sia iniziato malissimo, perchè è stata presentata una mera presa d’atto del contratto di servizio, da firmare entro il 31 dicembre con valenza decennale. I comitati hanno abbandonato la seduta rientrando per la discussione sugli orari, non dimenticando di evidenziare di voler discutere ancora sia il contratto di servizio, quanto le variazioni di orario.