Edoardo Bennato ha incantato il Mandanici di Barcellona

332

Mille persone che hanno cantato brani che hanno segnato la loro vita, mille persone che hanno battuto le mani a ritmo e gridato il loro entusiasmo. Mille persone di tutte le età, genitori con figli, adolescenti in gruppo, capelli bianchi e “divisa” rap, giovani coppie e nonni battaglieri. Il Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto è stato tutto per Edoardo Bennato. Uno spettacolo nello spettacolo.  ​”Sul palcoscenico ​c’è un artista libero  e questo è il teatro, la condivisione di un pensiero libero tra l’artista e la platea” ha ricordato il direttore artistico Sergio Maifredi, che porta i saluti del sindaco Roberto Materia, impegnato in Vaticano per la cerimonia di assegnazione della festa nazionale di San Rocco a Barcellona Pozzo di Gotto.
Bennato ha regalato due ore e 40 minuti di grande musica​ iniziando con “Dotti medici e sapienti”, e poi attraversando gli ultimi decenni di musica denuncia e poesia prima di approdare nei bis con “Un giorno credi” e “L’isola che non c’è”.  Un Bennato instancabile, empatico, generoso, accompagnato da una grande band.
Il concerto di Edoardo Bennato, unica data siciliana e data inaugurale del ​suo ​tour nazionale, è stato il primo sold out della Stagione 2017/2018 del Teatro Mandanici, ​appena cominciata. Prossimo appuntamento in cartellone il “Decameron” di Tullio Solenghi per la regia di Maifredi (18 novembre alle ore 21).
Foto Ritratti di Ignazio Brigandì