Sant’Agata, assenze in aula e polemiche. Bilancio rinviato

189

Dovrà essere approvato necessariamente il prossimo 16 novembre il bilancio 2017-2019 al comune di Sant’Agata Militello, data ultima concessa dal commissario ad acta al consiglio comunale per non essere sciolto. Dopo il rinvio della prima seduta mercoledì scorso per mancanza del numero legale, ieri in seconda convocazione erano presenti solo 4 consiglieri per la maggioranza, il presidente Scurria ed un solo consigliere per la coalizione che appoggia il sindaco. I presenti hanno inscenato una protesta simbolica occupando l’aula consiliare per alcuni minuti. Così, nonostante sarebbe bastata la presenza di 7 consiglieri su 20, nemmeno ieri sera l’assemblea ha potuto votare il bilancio. Accuse, recriminazioni dall’una e dall’altra parte hanno da sempre caratterizzato il rapporto tra opposizione e minoranza a Sant’Agata Militello. Da una parte la maggioranza che rappresenta l’opposizione in consiglio che dice di essere stanca di essere accusata strumentalmente dal sindaco di “ostruzionismo per ritardare l’approvazione dello strumento finanziario”. Dall’altra l’amministrazione, che attraverso una nota del sindaco Sottile, incolpa i consiglieri di opposizione di essere i principali ed unici responsabili di questa situazione. “E’ paradossale -scrive Sottile- che  i  consiglieri comunali di opposizione  con  la maggioranza assoluta  in consiglio comunale, lamentino un malfunzionamento dei lavori  consiliari che dipende dalla loro presenza e dalla conduzione del presidente del consiglio. Questo malfunzionamento- continua Sottile-   ha  fatto si che da quattro anni il comune fosse praticamente ingessato dalla attività politico amministrativa di indirizzo e controllo del consiglio comunale che ha avuto come effetto quello di ” tappare le ali ” all’amministrazione comunale. “Rimango basito dalle fuorvianti dichiarazioni del Sindaco Sottile- ha risposto il consigliere Barbuzza.  Convinto che la strategia dei pochissimi consiglieri comunali rimasti in appoggio al Sindaco Sottile sia quella di non approvare il bilancio causando cosi lo scioglimento del Consiglio Comunale. Barbuzza sottolinea che tutti i Bilanci portati in aula sono sempre stati approvati solo dai Consiglieri di maggioranza e che solo nel 2017, su 25 consigli comunali, lo stesso consigliere è stato presente per 24 volte.