“Mare Sicuro 2017”, il bilancio estivo della guardia costiera di Milazzo

128

La capitaneria di porto di Milazzo ha effettuato un bilancio delle attività condotte in riferimento all’operazione “Mare Sicuro 2017”, che si è svolta dal 17 giugno al 17 settembre; un servizio di controllo e vigilanza sul litorale di competenza, con mezzi terrestri in dotazione e via mare. Sotto osservazione, a seguito della collaborazione con le amministrazioni locali, concessionari e gestori di approdi turistici, che hanno posto in essere tutte le attività necessarie alla tutela dell’ambiente marino e della sicurezza della navigazione e della balneazione. E’ stato effettuato un controllo degli stabilimenti balneari e delle spiagge libere; di seguito, durante la settimana del ferragosto, si è proceduto ad effettuare mirati controlli in materia di sicurezza della navigazione, avendo specifico riguardo alle unità di modesto tonnellaggio che effettuano piccole crociere, escursioni costiere, gite turistiche, nonché controlli su attività di locazione e noleggio delle unità da diporto. Riguardo al problema dell’inquinamento dell’ambiente marino, è stata espletata un’attività di accertamento, anche tramite prelievi e campionamenti, con il coinvolgimento dell’Arpa e delle amministrazioni comunali, in particolar modo nei casi di segnalazioni su versamenti in mare di reflui fognari non depurati. Altro settore di controllo è stato quello delle risorse ittiche, con particolare riguardo alla repressione della pesca illegale. In relazione a questi controlli, nel porto di Milazzo sono state sequestrate tremila metri circa di reti del tipo illegale. Durante l’operazione, sono state accertate numerose infrazioni sui limiti di navigazione della costa, dotazioni degli stabilimenti balneari, violazioni al codice della nautica da diporto, regolamento che disciplina la fruizione della riserva naturale orientata di Marinello e alla normativa sulla pesca sportiva ricreativa. Sono stati effettuati complessivamente 1323 controlli ed elevate 95 sanzioni amministrative. Riguardo alle aree demaniali marittime, sono state redatte 7 informative di reato, con l’accertamento di occupazioni abusive di aree demaniali marittime in assenza di concessione. Per quel che concerne infine l’attività di soccorso, è stata prestata assistenza a 9 unità navali ed a soccorrere 29 persone in pericolo in mare.