Migranti a Capo d’Orlando, è polemica. Ingrillì: “Promesse disattese, struttura inagibile”

1933

Ha colto tutti di sorpresa, compreso il primo cittadino Franco Ingrillì, l’approdo a Capo d’Orlando di 19 migranti (che si aggiungono ai 32 della quota Sprar gia da tempo in città) arrivati nella serata di Venerdì presso la struttura dell’Hotel Amato.
Raggiunto dalla nostra redazione, il sindaco Ingrillì ha detto.” Ho appreso la notizia solo in via informale e casualmente, senza alcuna comunicazione ufficiale dalla Prefettura. Prendo atto – prosegue Ingrillì – che la promessa fattaci di non inviare ulteriori immigrati nei paesi come il nostro già sede di Sprar è stata disattesa. Per quanto riguarda la struttura, invieremo al più presto tecnici del Comune e la Polizia Municipale per verificare l’agibilità della struttura, che a noi, allo stato attuale, non risulta”.