Barcellona, approvato il regolamento per gli incentivi dei tecnici comunali

133

Incentivi per i tecnici, in relazione a lavori, servizi e forniture, secondo il nuovo codice degli appalti. In questa direzione si è mosso Palazzo Longano, che ha approvato uno specifico regolamento. L’esecutivo di Roberto Materia, su proposta del vice sindaco, Filippo Sottile, nella qualità di assessore al personale, ha approvato la relativa delibera, firmata anche dal rup, Armando Sottile. E’ stato evidenziato come, costituendo un fondo con risorse non superiori al 2% sugli importi dei lavori a base d’asta, le amministrazioni possano “finanziare” i dipendenti pubblici, esclusi i dirigenti; i fondi si riferiscono alle attività di programmazione della spesa per investimenti, per la verifica preventiva dei progetti di predisposizione e di controllo delle procedure di bando e di esecuzione dei contratti pubblici. Riguardano le “figure” del rup, direttore dei lavori, direttore dell’esecuzione e di collaudo tecnico amministrativo, verifica di conformità, il collaudatore statico ed altri collaboratori. Per quel che concerne il fondo costituito dall’amministrazione di Barcellona, l’80% sarà ripartito tra rup e altri organi tecnici. Questi incentivi, nel corso dell’anno, non possono superare il 50% del trattamento complessivo lordo annuo. Infine il 20% sarà destinato – escludendo i finanziamenti europei ed altri finanziamenti vincolati – all’acquisto da parte del comune di beni, strumentazioni e tecnologie funzionali a progetti di innovazione.