“La tua vita, il mio dono”, la storia di Nino raccontata dalla madre

1404

Le feste di compleanno, i viaggi, i sorrisi e l’amore incondizionato che può esistere solo tra una madre e un figlio strappato alla vita troppo presto, all’età di 16 anni. Sono tanti i momenti di vita raccontati nel volume scritto a quattro mani da Azzurra Ridolfo e Mimma Giuliano, madre di Nino Raffaele Addamo.
Numerosissimi brolesi hanno partecipato alla presentazione del libro “La tua vita, il mio dono”, in cui Mimma racconta 16 anni intensi e bellissimi, ma anche travagliati, vissuti con suo figlio Nino. Era forte la voglia di ricordare Ninuccio, un ragazzo speciale, che amava il mare e la musica, in particolare quella di Tiziano Ferro, e che grazie alla forza dei genitori ha vissuto una vita ricca e serena, ma soprattutto normale.
Un cromosoma alterato, il quinto, una sindrome senza nome di cui Ninuccio è l’unico caso certificato al mondo ma che, nonostante la sua mancanza di autosufficienza, non ha messo freni alla volontà della sua famiglia di vivere con lui una vita normale.
Una storia che fa riflettere, commuovere, oltre che apprezzare l’orgoglio con cui Mimma spingeva la carrozzina di suo figlio, un ragazzo unico, un dono del cielo, che è stato, come lo è un figlio per ogni genitore, una ragione di vita.  “Vivevo per i tuoi sorrisi” – scrive Mimma -, “perché la tua felicità era la mia e dava un senso a tutto”.