Tortorici si divide sulla cittadinanza a Crocetta

1603

Il presidente della regione, Rosario Crocetta, è cittadino onorario di Tortorici.
Lo ha stabilito la giunta comunale convocata d’urgenza dal sindaco Carmelo Rizzo Nervo ed alla quale erano presenti quattro dei cinque componenti l’esecutivo.
Nel provvedimento il sindaco motiva la decisione con il “profondo attaccamento alle più belle realtà siciliane”, “le attività a favore della lotta ai fenomeni mafiosi e di devianze giuridico istituzionale” e in considerazione delle “ripetute dichiarazioni di onorabilità verso la comunità dei tortoriciani”.
Un atto che, non appena diventato pubblico attraverso un articolo della nostra emittente, ha scatenato un aspro dibattito.
In pochi comprendono il provvedimento e sono molti a contestare apertamente la decisione che oltretutto arriva in un clima già infuocato da campagna elettorale per le elezioni regionali.
E poi c’è chi, come il movimento Prima Tortorici, ha già avviato una petizione on line per chiedere l’annullamento dell’atto siglato dal sindaco e dagli assessori Antonio Paterniti Mastrazzo, Antonella Foti e Sebastiano Conti Mica.
“La Cittadinanza onoraria- dice il Movimento- viene conferita a persone che sono notoriamente riconosciute dai cittadini del comune proponente per le opere e per le azioni straordinarie svolte a favore di tutta la comunità e tutto ciò non trova riscontro in questo caso”. Prima Tortorici afferma che   le motivazioni riportate nell’atto di deliberazione della Giunta Municipale, oltre ad essere di parte, non sono tali da costituire giustificazione a una onorificenza così importante”.
Altro aspetto che fa discutere è la decisione di non aver portato la questione neppure all’attenzione del Consiglio comunale, mostrando un atteggiamento di gran lunga riverente nei confronti del presidente Crocetta.
La petizione on line, nel giro di poche ore ha raccolto 260 adesioni sulle 500 che si propone di raggiungere.