“Blackout” al PalaCalafiore, la Betaland è sconfitta da Cantù

125

È una Betaland stanca, nella testa e nelle gambe, quella che cede pesantemente a Cantù nella seconda gara disputata nel Torneo Sant’Ambrogio (62-83).

Una gara che si presta a poche analisi, tanta è la differenza di rendimento delle due squadre nell’arco dei 40 minuti, ma che si inquadra perfettamente negli “sbalzi” di rendimento tipici della preseason.
Capo d’Orlando resta in partita finché i tiratori hanno buona mira dal perimetro, ma il movimento lontano dalla palla e il ritmo della squadra sono decisamente lontani da quanto visto nell’eccellente primo tempo disputato contro Brescia due giorni fa.

Il blackout dei paladini è accompagnato anche da quello dell’impianto elettrico del PalaCalafiore, che lascia tutti al buio per ben due volte nell’ultimo quarto, decidendo la fine anticipata dell’incontro a 1 minuto e 19 secondi dalla sirena finale sul 62-83.
Per i paladini uniche note positive Edwards e Delas, unici due in doppia cifra, rispettivamente con 12 e 11 punti  e Kulboka con 9 punti.

La squadra di coach Di Carlo, prima dell’esordio in trasferta per il preliminare di Basketball Champions League del 29 settembre, tornerà in campo tra due giorni, mercoledì 20, al PalaFantozzi, nell’ultima gara del precampionato: ospite la Moncada Agrigento (inizio alle ore 20.30, ingresso unico € 5).