Gioiosa, in consiglio Sprar, Pudm e impianti sportivi

153

Il sindaco di Gioiosa Marea, Ignazio Spanò, ha intenzione dideliberare l’attivazione di uno Sprar nel territorio comunale. È questo uno dei risultati emersi dall’ultima seduta consiliare svoltasi nella cittadina tirrenica, durante la quale si sono discussi i punti all’ordine del giorno rinviati dal consiglio comunale dello scorso 10 agosto. Il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, sarà avviato, predisponendo un bando per la selezione della proposta progettuale più idonea,come ha spiegato il primo cittadino, al fine di regolamentare il flusso degli immigrati ed allontanare pure il rischio, ottenute le dovute garanzie dall’assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, che gli stessi siano accolti in strutture private senza le dovute misure. Il dibattito del civico consesso è proseguito a lungo sull’argomento e contestualmente, il gruppo di opposizione “Obiettivo Gioiosa”, capeggiato dall’ex sindaco Eduardo Spinella, ha richiesto ancora una volta che venga convocato un consiglio comunale aperto, nel quale la cittadinanza possa esprimere il proprio parere in merito alla questione. La minoranza è stata inoltre promotrice di 2 mozioni particolarmente discussee riguardanti rispettivamente la partecipazione al bando “Sport Missione Comune 2017”, per provvedere alla sistemazione di alcuni impianti sportivi di Gioiosa e San Giorgio, e l’adeguamento del Piano di utilizzo del demanio marittimo, dal percorso peraltro assai travagliato. La prima mozione è stata respintadalla maggioranza, che in questo momentoritiene essere altre le priorità per l’accensione di un possibile mutuo, tra le quali quella assoluta è la realizzazione di un potabilizzatore a San Giorgio, frazione in cui insistono gravi problemi idrici. L’amministrazione comunale si impegnerà comunque per intercettare finanziamenti a costo zero, mentre sono già in fase di revisione i progetti relativi agli impianti sportivi. Approvata invece la mozione sul Piano del demanio; nonostante le perplessità manifestate dai consiglieri di minoranza, il sindaco ha garantito che tutto l’iter sarà seguito nei tempi previsti dalla normativa, procedendo verosimilmente ad una elaborazione ex-novo. In conclusione, Spanò ha risposto pure all’interrogazione dell’opposizione sull’occupazione di via Doria a San Giorgio per la realizzazione di una fiera, oggetto dell’ultimo punto all’ordine del giorno.