Montagnareale, arrestato un 36enne. Aveva appiccato il fuoco lungo la provinciale

1390

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Patti hanno arrestato il 36enne Teodoro Segreto. L’uomo è stato sorpreso ad appiccare il fuoco lungo la strada provinciale 128 in contrada Coco di Montagnareale. Provvidenziale l’intervento dei militari dell’Arma, in servizio  di controllo del territorio- Transitando lungo la Provinciale 128  hanno notato lungo il ciglio della strada alcuni focolai accesi, di piccole dimensioni che, a causa del forte caldo e del vento, da li a poco sarebbero potuti diventare incendi di grossa portata. I Carabinieri hanno quindi intravisto nei paraggi un uomo a bordo di uno scooter, che, accortosi delle loro presenza, tentava invano di nascondersi. Immediatamente fermato l’uomo è stato sottoposto a perquisizione. Sono stati così rinvenuti e sequestrati 5 accendini , 2  nella tasca dei pantaloni dell’uomo e 3 nel bauletto dello scooter, 3 bottiglie di plastica contenente liquido infiammabile, 1 era  sulla pedana dello scooter e 2 nel bauletto e circa 2 grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”. I Carabinieri hanno quindi immediatamente spento i piccoli focolai, scongiurando così il propagarsi di incendi di più ampia portata. Teodoro Segreto, nato a Patti ma residente a Montagnareale , già noto alle forze dell’ordine, è stato quindi arrestato con l’accusa di incendio boschivo. Lo stesso, dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Patti, è stato tradotto presso la propria abitazione a Montagnareale in regime di arresti domiciliari, in attesa di udienza di convalida dell’arresto. Ieri mattina, quindi, gli stessi Carabinieri di Patti, hanno notato Teodoro Segreto fuori dalla propria abitazione, e lo hanno nuovamente arrestato  per evasione dagli arresti domiciliari. A quel punto  è stato tradotto presso la Camera di Sicurezza della Compagnia Carabinieri di Patti, in attesa di udienza di convalida.