Mili San Pietro, scoperta piantagione di droga

644

I carabinieri della Compagnia di Messina Sud, hanno scoperto nelle campagne di Mili San Pietro un casolare al cui interno era coltivata droga. I militari seguivano da giorni movimenti sospetti nei pressi del casolare e ieri, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo e dallo squadrone eliportato Cacciatori di Sicilia, attualmente impiegati in supporto alle attività di controllo del territorio in aree impervie, hanno scelto il momento migliore per fare irruzione nella casa di proprietà del 43enne messinese Felice Bonasera. La successiva perquisizione ha permesso di rinvenire all’interno novanta piante di cannabis indica alte fino a 2 metri, interrate in vasi di plastica, in un ambiente illuminato da grossi fari alogeni e refrigerato da ventilatori ed un condizionatore. L’ingegnoso sistema ideato per favorire la crescita dello stupefacente in ambiente chiuso era alimentato da un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica. Nel corso di una seconda perquisizione in un’altra abitazione dell’interessato i militari hanno trovato circa 150 grammi di hashish ed un bilancino di precisione. L’operazione si è conclusa con l’arresto del 43enne, accusato di detenzione e produzione di stupefacenti nonché  furto aggravato,  che sarà processato con il rito direttissimo.