Ha ottenuto il massimo dei voti, nonostante sia affetto da una malattia rara

3388

Ha raggiunto il massimo dei voti, per dimostrare di essere come gli altri, anzi meglio degli altri, nonostante fosse affetto da una malattia rara. E’ Manuel Salamita, 20 anni; ha ottenuto cento agli esami di maturità, quale studente dell’istituto “Niccolò Copernico”, con specializzazione in informatica e telecomunicazioni di Barcellona. Questo straordinario risultato è stato il frutto di anni di lavoro, di fatiche e anche di dolori. All’età di due anni si è scoperto che soffriva di sclerosi tuberosa con tratti autistici; grazie al sostegno della famiglia, passo dopo passo, si è conquistato il suo spazio; costante nello studio, al “Copernico”, ha condiviso, dal punto di vista didattico, i traguardi con due insegnanti di sostegno: fino al quarto anno, con la professoressa Maria Pia De Pasquale e al quinto con la professoressa, Angelina Benvegna. Determinante l’apporto dei compagni di classe, che lo hanno fatto sentire come uno di loro. Strategico il lavoro degli operatori socioassistenziali, Maria Grazia De Pasquale e Santino Cutropia, che hanno assicurato anche il sostegno psicologico. Tutti insieme hanno contribuito, perchè Manuel, nonostante gli ostacoli del quotidiano ed il dolore per la perdita del papà, che lo aveva sempre seguito – un affetto venuto a mancare un anno fa – potesse liberare il suo istinto, la sua autostima e il desiderio di competizione. E questo si è verificato alla maturità e soprattutto agli orali; intimidito all’inizio davanti alla commissione, poi è filato via come un treno; con una tesina su tutte le materie di esame, ha spiegato, con video e foto, la sua passione per il calcio – dal periodo del fascismo ad oggi – le squadre, i tornei, il calciomercato e le sue dinamiche. Una spiegazione precisa, una memoria ferrea, senza esitazioni. E la sua dedizione per il calcio e la tesi che ha presentato agli esami di maturità, hanno sortito altri effetti positivi; l’Igea Virtus lo ha invitato alla conferenza stampa di presentazione della squadra e gli regalerà un abbonamento, per vedere le gare interne della squadra barcellonese.