Cesarò, sequestro di beni al reggente delle cosche

1607

Dalle prime ore di oggi, il personale della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, diretta dal Primo Dirigente della Polizia di Stato Renato Panvino, in collaborazione con la Sezione Operativa di Messina, sta eseguendo il decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione – nei confronti del reggente del clan mafioso operante a Cesarò, e referente territoriale, per la zona di Bronte e nel territorio dei Nebrodi, del clan catanese “Santapaola-Ercolano”. Il Tribunale di Catania ha disposto il sequestro dell’ingente patrimonio di cui il soggetto risulta disporre direttamente o indirettamente, consistente in imprese operanti prettamente nel settore agricolo (allevamento e coltivazione di fondi), numerosi terreni agricoli, fabbricato ubicato a Cesarò, diversi veicoli, titoli ordinari AGEA e rapporti finanziari in corso di quantificazione.