Home Attualità Sant'Agata Militello, una petizione per la "movida" notturna

Sant’Agata Militello, una petizione per la “movida” notturna

- Advertisement -

Sant’Agata Militello si mobilita per difendere la propria “movida”. Una petizione on line, che nel giro di pochi giorni ha già superato le 200 sottoscrizioni, è stata lanciata da un gruppo di cittadini a favore dell’intrattenimento musicale serale. Ma cosa è successo per scatenare tale reazione? Tutto nasce da alcuni episodi che nelle ultime settimane hanno riguardato alcuni locali, bar e pub della centralissima Vincenzo Consolo, che offrono ai propri avventori anche intrattenimento musicale. Iniziative apprezzate da moltissimi, soprattutto dai più giovani, che trovano possibilità di svago e divertimento nel centro santagatese potendo restare nel proprio paese, evitando di doversi mettere in auto e spostarsi, con tutti i rischi connessi, in orari notturni. Di recente, però, quei locali sono stati oggetto di ripetute segnalazioni per presunto disturbo alla quiete pubblica, tant’è che in diverse occasioni sono intervenuti i carabinieri a verificare la situazione. Pare che dietro quelle segnalazioni ci sia un gruppo di residenti della zona, che avrebbero persino presentato una petizione lamentandosi per il volume della musica ed il disturbo arrecato in ore notturne. Non risultano comunque siano state emesse sanzioni nei confronti dei gestori, in regola con le autorizzazioni e con gli orari disciplinati dall’ordinanza comunale sulle attività d’intrattenimento, fino all’una di notte il venerdì, sabato e prefestivi e fino alle 24 degli altri giorni per gazebo o verande su suolo pubblico (1.30 il limite all’interno del locale). Orari che dal 15 giugno al 30 settembre saranno posticipati alle 2 nei weekend e prefestivi e all’una negli altri giorni. Duri gli sfoghi degli stessi gestori, che hanno denunciato la mortificazione non solo del loro impegno imprenditoriale ma anche delle ambizioni di crescita turistica e recettiva del paese, annullando per protesta alcune serate già programmate. Al loro fianco si sono quindi schierati i cittadini con la loro petizione on line.

- Advertisement -

Più lette della settimana