Capo d’Orlando, i pescatori chiedono di rimettere mano alla convenzione

234

nell’aula consiliare hanno incontrato l’Amministrazione Comunale (presenti il Sindaco Franco Ingrilli ed il Vicesindaco Andrea Paterniti), i rappresentanti della Società Porto Turistico di Capo d’Orlando e la Capitaneria di porto. Sul tavolo, la rivendicazione riguardo l’integrazione dei posti barca destinati ai pescatori nel bacino portuale di Contrada Bagnoli dalla convenzione sottoscritta nel 2010.
Richiesta che era stata avanzata qualche settimana fa nel corso di una sit in nei pressi dell’area portuale.
Al termine della riunione è stato raggiunto l’accordo sulla destinazione di 30 metri lineari di banchina alle imbarcazioni da pesca, invece dei 10 posti barca previsti dalla convenzione.
“Un accordo di buon senso – secondo il sindaco Ingrillì – frutto di un confronto sereno alla ricerca di un compromesso tra le esigenze dei pescatori e la società concessionaria”.
Per i pescatori però si tratta di un primo risultato concreto in attesa di definire altre questioni. Sul tappeto rimangono ancora le richieste avanzate dai sindacati di categoria circa il costo del posto barca ed il diritto in base alla zona di provenienza.
Aspetti sui quali si tornerà a discutere anche perché la società privata che ha realizzato la struttura portuale non può distaccarsi molto dalla convenzione che ha firmato negli anni scorsi.