Un progetto di alternanza scuola-lavoro al tribunale di Patti

292

Precursori in Sicilia nei percorsi di formazione riguardo alla cultura della legalità, che vede insieme avvocati e studenti liceali in un progetto di alternanza scuola-lavoro. In base ad una iniziativa del consiglio nazionale forense, è stata messa a punto una convenzione ed un protocollo d’intesa tra il consiglio dell’ordine degli avvocati di Patti, presieduto dal commissario straordinario, avvocato, Massimo Cambria ed il liceo “Vittorio Emanuele III°” di Patti, diretto dalla professoressa, Grazia Gullotti Scalisi. Domani, alle 9.30, al tribunal di Patti, presso la sede dell’ordine, l’avvocato Cambria e la professoressa Gullotti Scalisi, presenteranno il progetto nel corso di una conferenza stampa. Sono referenti per l’ordine degli avvocati: Sara Maria Gullotti, Sara Casella, Antonella Spinnato, Ivana Gatto, Antonino Araca e Marco Conti Gallenti. Per il liceo la professoressa Pina Faranda. Il progetto partirà alla fine di marzo e si concluderà a maggio, per la durata di 100 ore. E’ stato sviluppato dal consiglio nazionale forense, dal ministero dell’istruzione, università e ricerca e dalla collaborazione con il professore, Mario Ricca, dell’università degli studi di Parma, che ha curato l’aspetto scientifico e didattico della proposta. L’obiettivo è implementare la cultura della legalità attraverso percorsi formativi che combinino lo studio teorico con forme di apprendimento pratico svolte nel contesto professionale forense.