Ex province, il voto slitta a Luglio. Commissari prorogati

135

Ancora un rinvio, l’ennesimo, per le elezioni dei consigli metropolitani. Le elezioni di secondo livello, già convocate per il 26 Febbraio dopo i precedenti rinvii, slittano al 30 Luglio. Il via libera è giunto oggi dalla prima commissione all’Ars. Confermate le indiscrezioni che parlano di una tendenza, dalle varie forze politiche, a lavorare a un disegno di legge per il ripristino dell’elezione diretta. Gli ostacoli sono però legati a una possibile impugnativa del governo di Roma per violazione Palazzo Chigi della legge Delrio che il governo regionale, in sede di accordo con lo Stato, si è impegnato a recepire per intero. Un disegno di legge che prevede il ritorno al voto diretto  la riduzione dei componenti di giunte e consigli, è già stato promosso all’Ars da Nello Musumeci. Primo effetto dell’ennesimo rinvio del voto per gli organi metropolitani, la proroga dei commissari nelle ex province, che si protrae ormai dal 2013. La tanto sbandierata riforma epocale di Crocetta, dunque, continua a restare nel cassetto e sempre più vicina ad essere definitivamente posta in soffitta.