Capo d’Orlando, il Genio Civile boccia la palestra coperta di via Roma

487

La palestra coperta delle scuole elementari di via Roma “non è realizzabile per evidenti violazioni normative e regolamentari”.
E’ questo l’esito delle verifiche effettate dal Genio Civile di Messina e richieste dal Tar di Catania a cui si erano rivolti i residenti nella zona a ridosso della scuola per contestare l’opera.
La bocciatura del progetto è contenuta in una nota del 6 dicembre scorso e, ovviamente, avrà importanti ripercussioni sul futuro di un impianto che ha anche aperto un caso politico nei mesi scorsi.
A rendere noto il contenuto del pronunciamento del Genio Civile sono i consiglieri comunali di minoranza Gaetano Sanfilippo, Gaetano Gemmellaro, Sandro Gazia, Alessio Micale,  Angiolella Bottaro e Daniela Trifilò, che hanno presentato una lunga interrogazione al sindaco ricordando che il parere arriva a seguito di “un procedimento tecnico/amministrativo alquanto discutibile”.
Nei mesi scorsi, però, il sindaco aveva preannunciato voler di spostare la struttura a Furriolo, in attesa che il Tar di pronunciasse sui ricorsi ed, eventualmente, finanziare la palestra di via Roma solo all’esito del procedimento.
Adesso la minoranza chiede quali ulteriori iniziative intende intraprendere in conseguenza delle risultanze delle verifiche condotte dai tecnici del Genio Civile e quali iniziative sono state intraprese per la realizzazione della palestra indoor nel plesso scolastico di Furriolo, al fine di non vanificare l’utilizzazione del mutuo a suo tempo contratto con il Credito Sportivo. Sul tappeto rimangono inoltre, come ricorda la minoranza, anche gli interrogativi circa la risoluzione del contratto d’appalto con l’impresa Edilsicula ed a quali condizioni e quelli sull’ammontare delle somme sin qui impegnate e liquidate per il pagamento dei legali e dei tecnici esterni incaricati dall’Amministrazione.