Home Politica Slittano le elezioni del consiglio metropolitano di Messina

Slittano le elezioni del consiglio metropolitano di Messina

- Advertisement -

Slittano al 20 gennaio 2017 le elezioni dei quattordici rappresentanti del consiglio metropolitano di Messina. Una decisione che era nell’aria, perchè si sapeva già della presentazione di alcuni ricorsi, per problemi tecnici riguardanti il voto ponderato.  Anche se da indiscrezioni è emerso che i problemi sono di natura politica; mancando gli accordi, il voto slitta e così è stato. Tutto questo ha fatto passare in secondo piano, almeno in questo momento, gli incontri degli amministratori locali, pronti a raccordarsi per scegliere le candidature. Uno di questi si è svolto ieri al Castello Gallego di Sant’Agata Militello, dopo le riunioni preliminari a Motta d’Affermo e a Tortorici, per decidere se competere con una lista autonoma o aderire a quelle che si caratterizzano a livello politico. Presenti molti amministratori dell’area dei Nebrodi, i lavori sono stati coordinati dai sindaci di Sant’Agata Militello, Castell’Umberto, San Teodoro, Longi, Librizzi,  Carmelo Sottile, Vincenzo Lionetto Civa, Salvatore Agliozzo, Alessandro Lazzara e Renato Cilona e dal consigliere comunale di Galati Mamertino, Giuseppe Drago. Ribadita l’esigenza di presentarsi uniti, per non essere emarginati; questa la linea più gettonata. Per due schieramenti d’area Nebrodi, invece, si sono espressi Nunzio Marinaro e Rosario Ventimiglia, sindaci di Motta D’Affermo e San Salvatore di Fitalia, visto che i numeri potrebbero consentire di ottenere maggiori consensi ed un posto in più. Con la decisione di far slittare il voto, neutralizzata la scadenza per presentare le liste prevista per il 31 ottobre, alle ore 12, ogni decisione sul numero delle liste e sui candidati, è rinviata alla fine di dicembre.

- Advertisement -

Più lette della settimana