A Milazzo il seminario mediterraneo di geriatria 2016

331

Nei giorni 28 e 29 ottobre, si svolgerà all’Eolian Hotel di Milazzo il seminario Mediterraneo di Geriatria 2016.  L’evento formativo,  che ha come titolo “La longevità tra complessità della cura e qualità della assistenza”  è proposto dall’unità operativa complessa di geriatria dell’ospedale “Barone Romeo” di Patti. “Con questo seminario – ha spiegato il direttore scientifico, professore, Ferdinando D’Amico, anche nella sua qualità di direttore dell’unità operativa complessa e della rete assistenziale geriatrica della Asp di Messina –  è organizzato in simposi e letture, che vedono protagonisti, oltre a medici specialisti geriatri e di area medica, anche antropologi, farmacologi, igienisti, nutrizionisti, terapisti riabilitazione e infermieri, con l’obiettivo di determinare  un confronto culturale e un’integrazione progettuale tra le società scientifiche che hanno  interesse specifico per l’anziano e per i suoi bisogni di salute, tanto che il presidente della sezione clinica della International Association of Gerontology and Geriatrics – European Region e i presidenti nazionali delle società scientifiche di geriatria e di medicina interna presenzieranno con letture  previste  nel corso del Seminario”. Un simposio speciale è dedicato al premio “Geriatria Sicilia” che vuole essere un palcoscenico per rendere visibili progetti di ricerca in geriatria e dare sostegno a giovani ricercatori che mostrano interesse scientifico verso la assistenza degli anziani. Una sezione del seminario è dedicata inoltre al meeting delle residenze sanitarie assistenziali che si articola in due simposi: “Modelli assistenziali per il paziente complesso“ e “Gestione integrata del paziente anziano con frattura di femore” e in una lettura “Il fabbisogno e la domanda di servizi assistenziali per l’anziano”. Alla rete assistenziale geriatrica, di cui il professore D’Amico è coordinatore, afferiscono le due rsa pubbliche: quella di Patti, che dopo due anni di attività rappresenta un struttura di riferimento per l’assistenza geriatrica con un numero elevato di pazienti e la nuova struttura di Sant’Angelo di Brolo realizzata dalla Asp di Messina per  offrire assistenza e servizi alla popolazione anziana dell’area nebroidea.