Riqualificazione urbana, fondi per ristrutturazione di municipi, caserme e chiese. Ecco l’elenco completo

2579

Pubblicata dalla Regione siciliana la delibera di Giunta con l’assegnazione delle risorse destinate a finanziare gli interventi di riqualificazione urbana, alla luce delle rimodulazione delle somme relative all’ambito di intervento dell’assessorato regionale alle infrastrutture e mobilità. Fondi già inseriti nel bando dell’Aprile 2015, con una dotazione originaria di 18 milioni per gli interventi nei soli centri storici, cui sono stati aggiunti 170 milioni 900 mila euro da utilizzare per tutto il parco dei progetti acquisiti. Successivamente per lo stesso settore d’intervento sono stati previsti ulteriori 45 milioni per garantire il finanziamento, anche al di fuori del centro urbano di almeno un intervento per ciascun comune e dunque anche per quei progetti originariamente esclusi dalle procedure selettive. Il tutto per un ammontare complessivo di quasi 300 milioni di euro su tutto il territorio regionale destinato a finanziare progetti di riqualificazione urbana, immobili di proprietà comunale utilizzati dalle forze dell’ordine ed edifici di culto. Nell’elenco sono finti cosi innumerevoli progetti. Tra questi, nella zona tirrenico nebrodiea, ci sono i fondi per le ristrutturazioni dei palazzi municipali a Montagnareale, Ficarra, Gioiosa Marea e Sant’Agata Militello, il miglioramento sismico e recupero di Casa Collica a Naso, la riqualificazione e consolidamento di via Rocca a Castel di Lucio, la messa in sicurezza dell’area del Castello di Montalbano Elicona, la realizzazione della sala consiliare e sede di protezione civile ad Ucria, il recupero di Palazzo Salleo a Sinagra e la riqualificazione del quartiere Casazza  a Mistretta,. Poi ancora, la realizzazione di un centro consortile a Motta d’Affermo, il recupero di un fabbricato a San Pier Niceto, da adibire a museo, il recupero del museo etno antropologico di Piraino, la riqualificazione del centro storico di Militello Rosmarino, la riqualificazione di piazza 2 Giugno a Raccuja e di piazza Nunziatella a Marina di Caronia. Altri progetti finanziati riguardano Palazzo Cupane di Mirto, la via Garibaldi a Sant’Angelo di Brolo, il centro culturale nell’ex chiesa di San Sebastiano a Santa Lucia del Mela, e numerose chiese nel comprensorio nebroideo.

QUI LA DELIBERA REGIONALE CON L’ELENCO COMPLETO