Betaland Orlandina, tanti applausi per la prima amichevole al PalaFantozzi

237

Betaland Capo d’Orlando – Viola Reggio Calabria 96-67 (31-15)(50-29)(71-42)
Betaland Capo d’Orlando: Fitipaldo 16, Iannuzzi 5, Laquintana 4, Nicevic 4, Pavicevic, Diener 18, Archie 12, Stojanovic 10, Stolic, Berzins 24, Walker 3. All: Di Carlo
Viola Reggio Calabria: Gaetano 2, Franzò, Radic 12, Barrile 7, Lupusor 2, Legion 28, Caroti ne, Guariglia 2, Guaccio, Micevic 4. All: Paternoster
Gente in piedi già dalla palla a due per Drake Diener che saluta il suo pubblico con 15 punti filati in 3’30’’. Applausi scroscianti anche per Fitipaldo, il play uruguaiano incanta i presenti con assist impensabili per menti comuni. Coach Di Carlo ruota sin da subito tutti gli uomini che palesano una voglia incredibile di impressionare positivamente lo staff e tutti coloro hanno sfidato il caldo del pomeriggio orlandino nella tensostruttura di Piazza Bontempo. Sul finire del primo quarto (31-15) entra la tifoseria ospite accolta dallo sportivo pubblico di casa. In avvio di seconda frazione Vojislav Stojanovic assiste Sandro Nicevic, il capitano della Betaland non perdona dalla media e sono 4 in fila per lui. Berzins scuote la retina da 3, Lupusor fatica a contenere Archie e al 16esimo è 44-23. All’intervallo è 50-29 con Archie (10) e Fitipaldo (9) pronti a seguire Diener in doppia cifra. I nove punti di Jansi Berzins siglati nel terzo quarto permettono anche al lettone di superare quota 10 e di far chiudere la frazione avanti all’Orlandina (71-42). Direttamente dal Sudamerica arriva nell’ultimo periodo il tunnel dal palleggio in corsa di Bruno Fitipaldo che, non ce ne vorrà l’uruguagio, riporta dritti all’ex Viola Ginobili. Janis Berzins ha ormai riscaldato la mano e quando mancano 6’ al termine dell’amichevole ha siglato tutti e 10 i punti della Betaland nel quarto. Calano i ritmi del gioco con le due compagini che Standing ovation a 4’ dalla fine per Diener e Archie richiamati in panca dall’allenatore, al loro posto entrano i baby Pavicevic (1999) e Stolic (2000). Tributo dei presenti anche per Fitipaldo che chiude la sua gara con 16 punti e 7 assist. Termina 96-67.
Coach Di Carlo: «Capo d’Orlando è magica, mi stupisce sempre di più. Avevamo percepito l’affetto del pubblico già in settimana, ma stasera è stato un bel colpo d’occhio. Nonostante avessimo dei carichi di lavoro pesanti sulle gambe abbiamo fatto una gara importante per mentalità ed energia. Alla fine abbiamo sentito un po’ di stanchezza, ma era una cosa già preventivata, nonostante ciò abbiamo continuato a giocare di squadra dando anche dimostrazione di avere carattere».