Barcellona, la solidarietà al giudice Paiola

469

Non sono tardati ad arrivare i messaggi di solidarietà a sostegno del sostituto procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto, Federica Paiola. Il magistrato sarebbe risultato essere l’obiettivo di un possibile attentato organizzato da un pregiudicato milazzese, il pescatore ventiduenne Salvatore Veneziano. Le notizie di stampa diffuse nella giornata di ieri hanno fatto scattare una serie di messaggi di apprezzamento sull’operato del sostituto procuratore. A partire dall’Ordine degli Avvocati di Messina, il cui presidente Vincenzo Ciraolo ha spiegato che l’attentato progettato contro la dottoressa Paiola indica la dedizione e l’impegno profusi nella lotta alla criminalità organizzata. Il Movimento “Città Aperta” ha ringraziato le forze dell’ordine e la magistratura che si spendono quotidianamente. Per questo è necessario che la società civile si dimostri attenta e si interessi giorno dopo giorno alla tutela della legalità e alla diffusione di comportamenti onesti. Piena e incondizionata solidarietà è giunta anche dal gruppo consiliare del PDR. La capogruppo Lucia Puliafito ha augurato che la dottoressa Paoiola possa proseguire con serenità il suo lavoro. Il movimento anti violenza “Angeli senza fine” ha invece ricordato come il sostituto procuratore sia donna impegnata nella lotta contro il crimine e contro la violenza di genere. Vicinanza è stata manifestata anche dal Presidente della Consulta Giovanile di Barcellona Pozzo di Gotto, Tindaro Di Pasquale.