Premi ambiente e legalità, riconoscimento al commissariato di Sant’Agata Militello

339

Un sindaco, una giovane cooperativa sociale , un giornalista, rappresentanti delle forze dell’ordine , magistrati. Sono  nove  i  difensori della legalità  contro l’ecomafia e la criminalità organizzata che sono stati segnalati da  Legambiente per il premio Ambiente e Legalità  nell’ambito di Festambiente, il festival nazionale di Legambiente che si tiene in in provincia di Grosseto fino  al 15 agosto. Nella lotta all’ecomafia e agli ecoreati arrivano i primi segnali di una inversione di tendenza, dopo l’introduzione della legge sui delitti ambientali nel codice penale e un’azione più repressiva ed efficace. Premio al Nucleo operativo ecologico  di Potenza; al Nucleo Tributario della Guardia di Finanza di Roma; all’Ufficio Circondariale Marittimo della Capitaneria di porto di Palinuro; al Corpo Forestale dello Stato dell’Emilia Romagna; al Commissariato della Polizia di Stato di Sant’Agata Militello per il lavoro svolto nel contrasto ai reati di agromafia ed ecomafia all’interno dell’area dei Nebrodi,; alla Procura di Bari per il lavoro svolto contro i traffici internazionali di rifiuti, in coordinamento con forze di polizia e altri organi internazionali; e alla promozione di un protocollo interno di screening sulle criticità ambientali che possono generare illeciti penali; alla Cooperativa Giancarlo Siani di Ercolano; al giornalista Fabrizio Feo del Tg3 . Infine al Sindaco di Licata  Angelo Cambiano: per l’impegno e la dedizione contro l’abusivismo edilizio e per il rispetto del territorio cittadino dalle mire speculative.Premio consegnato dal presidente del Senato Pietro Grasso.