“Affari di famiglia”, nove condanne

3578

E’ arrivata ieri notte, dopo oltre 10 ore di camera di consiglio, presso il tribunale di Patti, la sentenza per l’operazione “Affari di famiglia” il processo scaturito dall’operazione antidroga scattato il 6 giugno di due anni fa sui Nebrodi e che aveva portato all’emissione di 19 provvedimenti di arresto e 3 di obbligo di dimora.
Il presidente Bruno Finocchiaro ha inflitto nove condanne nei confronti di Francesco Anastasi (1 anno e sei mesi e 3.000 euro di multa), Maurizio Arcodia (1 anno e 6 mesi e 3.000 euro di multa), Giuseppe Barbagiovanni (3 anni ed 8 mesi), Michele Ventre (4 anni), Salvatore Calogero Conti Bellocchio (1 anno e mezzo e 3.000 euro di multa), Sebastiano Galati Massaro (3 anni e 8 mesi), Alessandro Talamo (10 anni e 4 mesi), Luca Talamo (1 anno e 6 mesi e 3.000 euro di multa), Mirko Talamo (5 anni).
Assolti, invece, Alessio Bontempo, Giuseppe Consales, Valentino Conti Bellocchio, Antonino Conti Mica, Antonino Costanzo Zammataro e Salvatore Marino Gammazza.
Gli imputati erano quasi tutti difesi dagli avvocati Alessandro Pruiti e Laura Todaro ma del collegio difensivo facevano parte anche Bernardette Grasso, Fabio Armeli, Stefano Rametta e Giuseppe Vadalà Bertini. Gli indagati erano accusati a vario titolo di far parte di una rodata organizzazione criminale sui Nebrodi, dedita al traffico e allo spaccio di droga, soprattutto cocaina, ma anche marijuana e hascisc.