Home Politica “Gioiosa in...Movimento” verso le amministrative del 2017

“Gioiosa in…Movimento” verso le amministrative del 2017

- Advertisement -

La lunga marcia verso le elezioni amministrative di Gioiosa Marea è iniziata. Sabato sera nei locali del circolo Mediterraneo si presenterà un nuovo soggetto politico. “Gioiosa in…Movimento”, si legge nel documento, si propone di “ridare speranza e dignità alla cittadinanza Gioiosana offrendo  risposte semplici e concrete in grado di rimettere in… movimento un piano di sviluppo e di crescita sociale”. Del nuovo soggetto fanno parte l’attuale gruppo di minoranza, vicino alle posizioni dell’ex sindaco Ignazio Spanò, l’ex candidato sindaco Giovanni Princiotta, l’ex assessore al Turismo Franco Maraffa e almeno due consiglieri fuoriusciti dalla maggioranza che sosteneva l’attuale sindaco Eduardo Spinella cioè l’attuale Presidente del Consiglio Gabriele Buttò e il consigliere indipendente Rosy Di Nardo. Da questo movimento dovrebbe saltare fuori il nome del candidato sindaco da contrapporre nella primavera 2017 all’uscente Eduardo Spinella. Potrebbe trattarsi dell’ex primo cittadino Ignazio Spanò o di un’altra personalità tutta da scoprire.
Intanto, il gruppo politico “Gioiosa Marea sei tu”, fondato dall’ex vicesindaco Teodoro Lamonica, sottolinea la necessità dotarsi del piano regolatore per giungere ad uno sviluppo compiuto. In un documento, Lamonica compie un excursus sul lento e tormentato iter per la definizione del Prg iniziato negli anni ’80 e mai giunto a conclusione. “Questo blocco continua, persiste e – scrive Lamonica – comporta una serie di gravi conseguenze al paese, tra cui il mancato sviluppo economico e la beffa per tantissimi cittadini di ritrovarsi costretti a pagare l’IMU su terreni classificati come “aree turistiche”, e quindi edificabili, che in realtà non sono affatto accessibili”.
Dal canto suo, l’amministrazione Spinella, dopo aver conferito l’incarico per la redazione dello strumento urbanistico all’architetto Marcel Pidalà, attende l’approvazione del bilancio per assegnare l’ultimo incarico necessario alla definizione del Prg, quello dello studio agro-forestale.

- Advertisement -

Più lette della settimana