Sicurezza stradale, il pacchetto di provvedimenti proposti da Fabio Bergamo

423

 

Gli incidenti stradali continuano a mietere vittime sulle strade come la cronaca giornalistica e televisiva propone ormai troppo spesso. Fabio Bergamo, scrittore piemontese impegnato sulla sicurezza stradale, ha proposto un pacchetto di provvedimenti che saranno oggetto di una interrogazione parlamentare, questioni vagliate ed apprezzate anche dal ministero dei trasporti, dall’Asaps – il portale della sicurezza stradale, dalla Polizia Stradale e Arma dei Carabinieri. Tra le innovazioni ci sono: lo “Stop Avanzato” che perfeziona la disciplina dello stop, mettendo in comunicazione i veicoli che hanno la precedenza con quelli che intendono impegnare l’incrocio; l’indicatore di tenuta del margine destro per ricordare ai conducenti di guidare in prossimità del margine destro della corsia occupata, l’indice di pericolosità stradale che, con due livelli informa del pericolo nella sua gravità; il “Das” che, con due delineatori posti a diverse distanze del semaforo, facilita l’attraversamento all’incrocio evitando di passare col rosso; il “Privia Stop” che, con una luce inserita nella parte frontale del veicolo, segnala il suo rallentamento ai pedoni che attraversano la strada.

Bergamo ha proposto poi il limite di velocità di 40 Km/h sulle strade a doppio senso, lasciando quello di 50 km/h solo sulle strade a senso unico; ha coniato il nuovo termine di “limite di transito” nei confronti dei pedoni, più che di limite di velocità destinato esclusivamente ai veicoli e quello del “dovere di antecedenza” per i conducenti che hanno appunto il dovere di dare ai pedoni la precedenza, quando essi, avendolo segnalato per tempo, attraversano, nei centri abitati, fuori delle strisce pedonali. Proposto nelle rotatorie il limite generale di 40 Km/h e di 30 km/h quando in esse sono presenti ciclisti. Per la RC Auto ha pensato alla clausola relativa al “beneficio delle piccole riparazioni” per la revisione della carrozzeria destinata ai conducenti virtuosi ogni 8-10 anni di esperienza di guida in più.

Per i bambini ha realizzato l’album “Guido anch’io” di prossima pubblicazione. Per le autoscuole ha scritto il libretto “Fenomenologia del pedone”. Ha proposto a “Federauto”, la federazione dei concessionari di auto in Italia, di includere di serie nell’acquisto delle auto nuove il seggiolino per la ritenuta dei bambini per le famiglie che hanno un bambino piccolo, per il quale vige l’obbligo del suo utilizzo, come prevede il CdS all’art. 172 e per le mamme in dolce attesa.

(foto di repertorio)