Home Attualità Patti, abbattuta la palma secolare della villa Umberto I

Patti, abbattuta la palma secolare della villa Umberto I

- Advertisement -

E’ stata abbattuta la palma secolare (Phoenix Dactliphera) all’interno della Villa Comunale “Umberto I” di Patti. Un intervento necessario, secondo il vicesindaco Alessia Bonanno che ha preso la decisione dopo il sopralluogo effettuato dall’agronomo Dario Natoli. Dalla relazione del tecnico è emerso che la palma, alta 33 metri e piantata oltre 150 anni fa, presenta “la chioma totalmente disseccata con foglie pendule che possono cadere con un pericolo accentuato dall’altezza sotto la sollecitazione dell’azione del vento”. Sempre dalla relazione tecnica si evince che “la non perpendicolarità della palma del tronco, con l’azione del vento provoca un’oscillazione elevata che viene retta bene fino a quando il tronco risulta integro e vegeto, mentre, una volta compromesso, potrebbe creare una rottura del tronco stesso con un’alta probabilità di caduta”. L’agronomo Dario Natoli ha eseguito due distinti sopralluoghi. Il primo in data 15 giugno dal quale, dall’analisi visiva, si presumeva un attacco da parte del punteruolo rosso con una probabile compromissione del tronco e della parte basale della chioma. Nell’ulteriore controllo svoltosi questa mattina, grazie all’ausilio di un cestello che gli ha consentito una visione della parte superiore della palma, il dott. Natoli ha confermato che “l’apice vegetativo è compromesso definitivamente”. Da qui la necessità di abbatterla. “A malincuore – ha affermato il vicesindaco Alessia Bonanno – si è dovuto intervenire per tagliare la palma, simbolo della villa comunale “Umberto I” e rimuovere la situazione di pericolo. Nei giorni scorsi è stato dato incarico a Dario Natoli di verificare lo stato di salute e visto il rischio per la pubblica incolumità che è stata prospettata si è dovuto intervenire in maniera drastica”.  Nei giorni scorsi è stata anche chiusa al pubblico la Villa per effettuare le dovute verifiche e limitare le situazioni di pericolo dato che l’area è particolarmente frequentata, soprattutto, da bambini.

- Advertisement -

Più lette della settimana