Gotha 5, negli abbbreviati chieste condanne per 200 anni

1102

Condanne pesanti, per complessivi 200 anni, quelle avanzate ieri dall’accusa  al processo abbreviato dell’operazione Gotha 5, il blitz interforze contro le nuove leve del clan di Barcellona e di Mazzarrà Sant’Andrea.
Al banco dei PM, i sostituti della DDA Angelo Cavallo e Vito Di Giorgio che hanno elencato le richieste per tutti gli imputati verso i quali è stata chiesta anche l’applicazione della continuazione, così che le pene vengano sommate a precedenti condanne.
Per i collaboratori di giustizia l’accusa ha invocato le concessioni dei benefici previste per i pentiti e che comportano sconti di pena.
Cavallo e Di Giorgio hanno così chiesto la  condanna al carcere per 14 anni per Bartolo D’Amico, 4 anni e 8 mesi per Santino Benvenga,  8 anni per Antonino Biondo, 9 mesi per Antonino Calderone, 14 anni e 9 mesi per Marco Chiofalo, 4 anni e 8 mesi per Salvatore Chiofalo, 4 anni per Giovanni Fiore e Carmelo Crisafulli, 7 anni e 3 mesi per Antonino Genovese,  14 anni e 8 mesi per Giuseppe Ofria,  10 anni per Angelo Bucolo, 14 anni per Giuseppe Cammisa, 10 anni per Mario Pantè, 12 anni per Giovanni Pino, 2 anni per Miloud Essaoula, 8 anni per Giuseppe Reale, 10 anni per Orazio Salvo, 9 anni per Tindaro Calabrese e Salvatore Calcò Labbruzzo.
E poi ancora: 1 anno e 2 mesi per Agostino Campisi, 8 anni per Filippo Munafò, 14 anni per Sebastiano Torre di Mazzarrà Sant’Andrea, 1 anno e 2 mesi per Maurizio Trifirò, di Terme Vigliatore.
Poi le richieste di condanna nei confronti dei pentiti: 5 anni 4 mesi complessivamente per Alessio Alesci, 8 anni e 4 mesi per Salvatore Artino,  3 anni a Salvatore Campisi, 8 anni e mezzo per Nunziato Siracusa, 3 anni e 8 mesi per Santo Gullo, 4 anni a Franco Munafò.
I lavoro degli investigatori ha permesso di scoprire gli affari del gruppo, responsabile dell’incendio alla discoteca Villa Liga di Portorosa, il 13 agosto 2014 e della barca Eolo d’Oro impegnata in minicrociere alle Eolie.
Tra i fatti al vaglio del giudice anche l’assalto armato al market Superfresco di Tripi nel 2012. Si torna in aula nei prossimi giorni per dare la parola ai difensori e alle parti civili, poi il GUP Eugenio Fiorentino dovrà decidere.