Home Politica Ispezione regionale a Piraino, Ruggeri: "Ma quale assoluzione?"

Ispezione regionale a Piraino, Ruggeri: “Ma quale assoluzione?”

- Advertisement -

“L’assessorato delle autonomie locali non ha assolto il comportamento  dell’amministrazione Maniaci. Il dirigente dell’Assessorato ha riscontrato alcune deficienze nell’operato del sindaco, come ad esempio la mancata presentazione delle relazioni annuali al Consiglio Comunale, tanto da intimare al capo dell’amministrazione di produrle al più presto così come prevede la legge regionale 7 del 1992”. A smorzare i toni entusiastici all’indomani della relazione ispettiva operata dalla Regione sull’amministrazione Maniaci è l’ex capogruppo consiliare di “Nuova Piraino” Maurizio Ruggeri, tra i firmatari dell’esposto presentato a Palermo lo scorso novembre. Ruggeri replica alle accuse del sindaco verso l’ex opposizione, tacciata di aver “ostacolato” l’operato dell’amministrazione. “L’amministrazione anziché concentrare le proprie energie per portare a termine qualche opera pubblica lasciata in dote dalla passata amministrazione – scrive l’ex consigliere – cerca polemiche sterili e inutili ad ogni costo, anche con chi oggi non riveste più un ruolo pubblico al solo scopo di additarlo come la causa del proprio fallimento amministrativo”. Ruggeri ricorda quindi alcune delle opere pubbliche lasciate in eredità dall’amministrazione Campisi della quale è stato assessore: il progetto di 180.000 euro per la cartellonistica turistica, 100.000 euro per la riqualificazione degli spazi attorno alla torre saracena, i circa 300.000 euro per l’intervento a Torre Ciavole (stralcio del finanziamento di 1.100.000 euro per gli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico del marzo 2010) e l’allargamento della strada provinciale 141 che porta a Piraino Centro. L’ex consigliere interviene anche a proposito della frana che ha interessato il comune di Gioiosa Marea. “Spiace assistere alla assoluta mancanza di sensibilità istituzionale – scrive Ruggeri – su una vicenda come l’isolamento di una intera comunità, che per altro interessa anche tanti nostri concittadini pirainesi, e su un problema così serio ed annoso che vede soffrire l’intera vallata dello Zappardino”. “Certa politica pirainese di bassa lega tacciava l’allora Sindaco Campisi di interessarsi troppo dei problemi dell’interruzione a capo Skino sulla SS113 e poco dei problemi dei pirainesi – conclude Ruggeri – . Gli attuali amministratori non si interessano ne degli uni, ne degli altri”.

di Roberta Fonti

- Advertisement -

Più lette della settimana