Capo d’Orlando, nasce la “Banca del Tempo”

297

Tornerà a riunirsi nei primi giorni di marzo l’assemblea dei 16 Comuni facente parte della rete “Nebrodi città aperta” che sta sviluppando il progetto “La Banca del Tempo”.
L’iniziativa che vede il comune orlandino come ente capofila, è stata fortemente voluta dall’assessore alle pari opportunità Cettina Scaffidi,  che ha curato tutti i passaggi burocratici ed informativi propedeutici e necessari per il funzionamento del sistema.
Presso il Comune di Capo d’Orlando verrà istituito uno sportello a cui rivolgersi, prevista anche la presenza di due impiegati: Cono Micale e Marina Del Ponte, con un’adeguata dotazione strumentale. Nei Comuni aderenti all’iniziativa, verranno realizzati incontri di informazione, sarà inoltre stipulato un accordo di collaborazione con associazione Pink Project che supporterà l’attività con propri operatori e disponibilità di locali. Infine è prevista la realizzazione del portale “bancadeltemponebrodi.it”.
Il Comune di Capo d’Orlando metterà a disposizione: il portale, lo sportello, l’uso gratuito dell’attrezzatura informatica e l’uso gratuito di locali.
“Le attrezzature – ha confermato l’assessore Scaffidi – sono state collocate presso la Biblioteca comunale nel Centro Polivalente Antonio Librizzi in via del Fanciullo. Quindi gli incontri dei soci della BdiT, da ora in avanti avverranno in questa nuova sede (molto probabilmente già mercoledì 2 marzo). Per attività laboratoriali  saranno disposizione i locali del Centro Anziani di via Torrente Forno. Scambiamo questo supporto con i soci che dovranno  impegnarsi  individualmente ad offrire 20 ore annue del loro tempo, niente soldi – ha concluso l’assessore- ma tempo da dedicare a chi ha bisogno”.